FESTA DEL BATTESIMO DI GESU’: “Appena battezzato, Gesù vide lo Spirito di Dio venire su di lui.” Mt. 3, 13-17

CO010

La festa del battesimo continua il ciclo delle manifestazioni del Signore, iniziato nel giorno di Natale con la nascita del Salvatore a Betlemme, adorato e contemplato dalla Sacra Famiglia e dai pastori, e che ha avuto un momento fondamentale nell’Epifania, quando il Messia, per mezzo dei Magi, si è rivelato a tutte le genti. Oggi, Gesù, per la prima volta da uomo maturo, entra nella scena pubblica, rivelandosi a Israele e a Giovanni. Il Messia lascia la sua casa, Nazaret, e si reca al Giordano per farsi battezzare. Matteo riferisce delle due obiezioni imbarazzanti di Giovanni Battista: perché Gesù si fa battezzare da uno inferiore a Lui? Perché Egli si sottomise al battesimo di conversione se era senza peccato? La risposta di Gesù: “così conviene per adempiere ogni giustizia” , e il riconoscimento del Battista della superiorità di Cristo, che “lo lascia fare”, indicano che il Signore si assoggettò al battesimo per “compiere ogni giustizia” , cioè aderì al disegno salvifico del Padre, che prevedeva la sua solidarietà con il mondo, fino al sacrificio supremo della vita. L’immersione nel Giordano prefigurava il suo destino di sofferenza e di morte e la sua sepoltura. Colui che è senza peccato, ponendosi tra i peccatori, mostra la vicinanza di Dio al cammino di conversione dell’uomo.