10 febbraio 2019. V° DOMENICA tempo ordinario: “Lasciarono tutto e lo seguirono.” Lc. 5, 1-11

In questa V° domenica del tempo ordinario, Vi offriamo la riflessione proposta da don Francesco, Cappellano del Carcere e collaboratore qui in Parrocchia

Cari Amici buona Domenica a tutti voi! Nel celebrare la V Domenica del Tempo Ordinario, viene proclamato il Vangelo della narrazione della pesca miracolosa. Cosa viene indicato in questo racconto? Si narra di un povero pescatore di nome Pietro  che dopo un vano tentativo di portare a casa qualcosa, rimane con le sue reti vuote e, con tanto sconforto nel cuore. Tipico dell’operaio che non porta a casa la sua giornata di lavoro! Cosa accade con l’incontro che Pietro ha con Gesù? Gli viene posto un invito: a rimettere le reti in barca e  riprendere il largo ma seguendo le indicazione di pescaggio. Chiunque, al termine di una giornata andata male avrebbe ricusato un  suggerimento del genere, sino a ridicolizzare il propositore! Ma  emerge un grande miracolo in questa comunicazione relazionale: “l’ascolto e la fiducia”… Pietro ascolta ma sa anche fidarsi…!  Il  risultato è davvero straordinario: si verifica una pesca abbondante!  Purtroppo, è cio’ che non sappiamo  più fare…, perché all’ascolto abbiamo sostituito solo il bisogno distruttivo e stancante di dover parlare sempre e, sovente sappiamo  parlare  anche male. Alla fiducia, abbiamo sostituito  la paura,  rafforzata dal perfido egoismo! Goethe diceva: “parlare è un bisogno ma ascoltare é un’ arte”… In assenza dello stupore scaturita dall’emozione dell’arte, rimane la tenebrosa ombra del vuoto! Pietro si fida di Gesù… Ed  è tornato a casa con le reti stracolme di pesce! La fiducia è un regalo straordinario che non si riceve più di due volte se lo si nega, o la si tradisce  anche per  una sola volta… L’invito che il Vangelo ci pone in questa Domenica è di capire che una relazione umana o costruire il  futuro del mondo sulla paura e con egoismo, corrisponde a celebrare la fine dell’uomo e la distruzione del nostro mondo! C’è una sola via per restaurare il mondo da renderlo più vivibile: insegnare agli uomini che lo abitano ad ascoltarsi di più ma  con  fiducia reciproca, da permettere al cuore di  spalancarsi per donare amore e mai più odio e rancore. Buona Domenica benedicente a tutti voi! Don Francesco