EPIFANIA DEL SIGNORE 6 gennaio 2021

L’Evangelista Matteo, fin dall’inizio del suo Vangelo, non vuole che esistano dubbi su Gesù. Lui è il Salvatore dell’uomo non di un uomo, dei popoli non di un popolo, delle nazioni non di una nazione. I pagani che vengono ad adorarlo compiono la profezia di Isaia, secondo la quale Gerusalemme viene costituita casa di preghiera e di verità, di salvezza e di redenzione per tutti i popoli. Nuova casa di Dio, nuovo tempio santo è Gesù Signore. Tutti i popoli in Lui potranno avere accesso al Padre, nello Spirito Santo.

Questa sera alle ore 18, il nostro Vescovo Gianrico, presiederà la Solenne S. Messa dell’ Epifania.

La Celebrazione sarà trasmessa in diretta straming

sul nostro canale youtube.

Cliccare qui sotto per essere collegati alla diretta: 

CATTEDRALE CIVITAVECCHIA

CELEBRAZIONE INIZIO ANNO

Nel primo giorno del 2021 il Vescovo Gianrico presiederà alle ore 18 la solenne S. Messa nella Festa della Madre di Dio al termine della quale canteremo il VENI CREATOR SPIRITUS.

La Celebrazione sarà trasmessa in diretta straming sul nostro canale youtube.

Cliccare qui di seguito per essere collegati alla diretta: CATTEDRALE CIVITAVECCHIA

SOLENNE MESSA DI NATALE ALLE ORE 18,30

Cari Amici, le vigenti disposizioni governative di contrasto al coronavirus, impongono delle necessarie restrizioni, le quali, speriamo e preghiamo possano sconfiggere questa epidemia. Nel rispetto di queste disposizioni, la SOLENNE MESSA DI MEZZANOTTE SARA’ ANTICIPATA ALLE ORE 18,30 E VERRA’ TRASMESSA IN DIRETTA SUL CANALE YOUTUBE DELLA CATTEDRALE.

Per seguirla collegatevi qualche minuto prima al nostro link youtube:

CATTEDRALE CIVITAVECCHIA

8 dicembre:IMMACOLATA CONCEZIONE

Lc. 1, 26-38: “Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce”

Già celebrata in Oriente nel secolo VIII, si estese in Occidente nel secolo XII e iscritta nel calendario romano nel 1475. Ebbe grande impulso nel 1854, con il Dogma dell’ Immacolata Concezione, proclamato dal Beato Papa Pio IX .

BENEDETTO XVI° (8/12/2012):…L’incontro tra il messaggero divino e la Vergine Immacolata passa del tutto inosservato: nessuno sa, nessuno ne parla. E’ un avvenimento che, se accadesse ai nostri tempi, non lascerebbe traccia nei giornali e nelle riviste, perché è un mistero che accade nel silenzio. Ciò che è veramente grande passa spesso inosservato e il quieto silenzio si rivela più fecondo del frenetico agitarsi che caratterizza le nostre città, ma che – con le debite proporzioni – si viveva già in città importanti come la Gerusalemme di allora. Quell’attivismo che ci rende incapaci di fermarci, di stare tranquilli, di ascoltare il silenzio in cui il Signore fa sentire la sua voce discreta. Maria, quel giorno in cui ricevette l’annuncio dell’Angelo, era tutta raccolta e al tempo stesso aperta all’ascolto di Dio. In lei non c’è ostacolo, non c’è schermo, non c’è nulla che la separi da Dio. Questo è il significato del suo essere senza peccato originale: la sua relazione con Dio è libera da qualsiasi pur minima incrinatura; non c’è separazione, non c’è ombra di egoismo, ma una perfetta sintonia: il suo piccolo cuore umano è perfettamente «centrato» nel grande cuore di Dio.